Libreria Lovat



ARCHIVIO EVENTI
indietro

19.04.2018 - ore 18:00
Trieste

GIACOMO SCOTTI presenta MATVEJEVIC E IO (Infinito Edizioni, 2018)

Per decenni legati da un rapporto di stretta collaborazione e di fraternità, che ha costellato la loro vicenda umana e letteraria, spesso perseguitati per i loro scritti “scomodi”, Matvejević e Scotti sono stati amici per almeno mezzo secolo, condividendo gli ideali progressisti, l’impegno per gli oppressi, per la libertà di pensiero e di parola, per i diritti sociali dei più deboli. Dai ricordi di Scotti emerge nella sua interezza la figura di uno scrittore e pensatore di alto livello e di un uomo tenerissimo, sempre pronto a spendersi per gli altri, anche per chi stava sull’opposta barricata.
GIACOMO SCOTTI si è trasferito diciassettenne nel Territorio Libero di Trieste da dove, nell’ottobre del 1947, ha raggiunto l’Istria, stabilendosi prima a Pola e poi a Fiume. Giornalista, pubblicista, romanziere, poeta, favolista, critico letterario, traduttore di poesia e prosa dalle lingue della Slavia meridionale, per circa settant’anni ha contribuito alla diffusione della letteratura italiana nell’ex Jugoslavia e delle letterature croata, serba, slovena, bosniaca, macedone, montenegrina e albanese in Italia. Negli ultimi trentacinque anni ha vissuto e operato fra Trieste e Fiume, tessendo la rete degli scambi letterari, e non solo, fra le due sponde dell’Adriatico.